Il tennista Tsitsipas ammette: “Mi vaccinerò solo quando sarà obbligatorio per giocare”

Il numero 3 del ranking Atp ha ammesso che non si sottoporrà al vaccino fin quando non diventerà obbligatorio farlo, ma nel frattempo è testimonial della campagna vaccinale greca.

Stefanos Tsitsipas durante gli Internazionali di Roma

Stefanos Tsitsipas durante gli Internazionali di Roma

Globalsport 18 agosto 2021
Stefanos Tsitsipas, numero 3 al mondo per la classifica Atp, ha confessato di non essersi vaccinato e che non lo farà fino a quando non sarà obbligatorio.
“Ad un certo punto dovrò vaccinarmi, ne sono abbastanza sicuro, ma al momento non è stato reso ancora obbligatorio per giocare, quindi non l’ho fatto”.
Queste le parole del tennista ellenico che però risultano decisamente contraddittorie rispetto al ruolo che lo stesso Tsitsipas ricopre come testimonial della campagna vaccinale del proprio paese.
Una posizione che diverge anche da quelle prese da diversi suoi colleghi, come per esempio quella di Rafa Nadal che ha ripetuto più e più volte che l’unica via per uscire da questa terribile situazione sono i vaccini.
Non si sono fatte attendere le critiche, soprattutto dai compatrioti di Tsitsipas, in particolare dal ministro dei Lavori Pubblici che su Twitter ha commentato la notizia con un sintetico, ma forte “Che peccato”.