Top

L'associazione calciatori attacca il governo: "Norme discriminatorie"

Il sindacato dei calciatori, in una nota, ha contestato le decisioni prese dal governo sulla ripresa delle attività sportive

L'associazione calciatori attacca il governo: "Norme discriminatorie"

Globalsport

28 Aprile 2020 - 22.15


Preroll

L’associazione italiana calciatori si è espressa contraria alla decisione del governo sulle modalità di ripresa dello sport.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Si ritiene discriminatoria, prima ancora che illogica, l’idea di far riprendere l’attività negli impianti sportivi ai tesserati di discipline sportive individuali e non consentire ai calciatori professionisti lo svolgimento di allenamenti in forma individuale nei centri sportivi”.

Middle placement Mobile

“La norma rischia di produrre un aggravamento e non il contenimento del rischio”. “Per il lavoratore sportivo la fase di riatletizzazione dopo questo stop obbligato è un passaggio necessario e utile anche per evitare infortuni”.

Dynamic 1

Sulla ripresa degli allenamenti per gli sport di squadra esiste una possibilità di data fissata per il 18 maggio, ma come ha ribadito il ministro Spadafora, tutto dipenderà dall’evoluzione dell’emergenza coronavirus nella prima metà di maggio.

In conclusione per l’Assocalciatori rimane l’auspicio di un pronto intervento del governo utile ad eliminare le “evidenti distorsioni” che deriveranno dal Dpcm del 26 aprile.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile