Top

Ucraina, la Svizzera chiede al Cio di escludere i russi dai vertici delle federazioni internazionali

La richiesta in una lettera inviata al presidente del Comitato Olimpico Internazionale (Cio), Thomas Bach, la ministra svizzera dello sport Viola Amherd

Ucraina, la Svizzera chiede al Cio di escludere i russi dai vertici delle federazioni internazionali
La ministra svizzera dello sport Viola Amherd

globalist

16 Aprile 2022 - 16.23 Globalist


Preroll

Guerra in Ucraina, anche la neutrale Svizzera ha posizioni molto nette, Con una lettera inviata al presidente del Comitato Olimpico Internazionale (Cio), Thomas Bach, la ministra svizzera dello sport Viola Amherd ha chiesto di escludere i funzionari di Russia e Bielorussia dalle posizioni di vertice delle federazioni sportive internazionali. Il Cio non ha ancora reagito in merito.

OutStream Desktop
Top right Mobile

In considerazione della situazione in Ucraina, non è più sufficiente escludere gli atleti dei due paesi dalle competizioni all’estero, afferma la ministra nella missiva di giovedì, di cui oggi hanno riferito i giornali di Tamedia e che è a disposizione anche dell’agenzia di stampa Keystone-Ats. Già il mese scorso una trentina di paesi, tra cui la Svizzera, avevano chiesto in una dichiarazione congiunta alle federazioni sportive internazionali di prendere misure contro la Russia e la Bielorussia.

Middle placement Mobile

Christoph Lauener, capo della comunicazione dell’Ufficio federale dello sport (Ufspo), ha detto oggi a Keystone-ATS che la Svizzera ha preso una posizione chiara con la dichiarazione. Tuttavia, le varie federazioni sportive sono organizzate secondo il diritto privato. Il Cio ha mezzi molto più efficaci dello Stato e, se è il caso, può escludere le federazioni dalla grande famiglia olimpica. 

Dynamic 1

Mercoledì, il direttore dell’Ufspo, Matthias Remund, ha affermato in una conferenza online del collettivo di nazioni che sono necessari ulteriori passi. La Svizzera, come patria di numerose federazioni sportive internazionali, si aspetta ora un segnale forte dallo sport, ha sottolineato.

Swiss Olympic, il comitato olimpico svizzero, sostiene la posizione della Confederazione. “Siamo favorevoli alla parità di trattamento di atleti e funzionari”, ha detto ai giornali Tamedia il portavoce Alexander Waefler. Secondo Swiss Olympic, rispetto agli atleti molti funzionari hanno legami più stretti con i regimi di Mosca e Minsk.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile