Djokovic no vax: "Non vorrei essere obbligato a farmi il vaccino per il coronavirus"

Nole è scettico sui vaccini in generale, e non fa eccezione quello sul coronavirus sebbene sia ancora in fase sperimentale.

Novak Djokovic (foto di Tennis.com)

Novak Djokovic (foto di Tennis.com)

Globalsport 20 aprile 2020
Tra quelli che guardano già al post-coronavirus c'è il tennista di fama mondiale Novak Djokovic. In una chat su facebook con diversi atleti serbi, secondo quanto riporta il Guardian, si è detto perplesso riguardo ai vaccini.
"Personalmente sono contrario alla vaccinazione e non vorrei essere costretto da qualcuno a prendere un vaccino per poter viaggiare"- afferma il numero uno del tennis al mondo, e prosegue- "Ma se diventa obbligatorio, cosa accadrà? Dovrò prendere una decisione. Ho i miei pensieri sulla questione e se quei pensieri cambieranno ad un certo punto, non lo so. Ipoteticamente, se la stagione dovesse riprendere a luglio, agosto o settembre, sebbene improbabile, capisco che un vaccino diventerà un requisito, subito dopo che saremo fuori dalla quarantena rigorosa."