Balotelli duro contro i razzisti: siete la parte malata della società

L'attaccante del Nizza e della nazionale stufo degli insulti ricevuti sui social reagisce: meritate di andarvene un giorno senza mai essere ricordati

Mario Balotelli

Mario Balotelli

Redazione 10 novembre 2018

Come calciatore, per i suoi atteggiamenti, potrà pure essere criticato. Ma certamente è uno dei pochi a opporsi alla deriva razzista e a denunciarla.


"Voi razzisti meritate una cosa sola. Di vivere una vita soli, senza nessuno che vi pensi, senza mancare a nessuno e di andarvene un giorno senza mai essere ricordati. Voi siete la parte malata di questo mondo": Mario Balotelli si sfoga così, con un post su Instagram stories in risposta agli insulti ricevuti sui social.
"Avete rotto - scrive ancora l'attaccante -. Ditemi le cose in faccia, non attraverso lo schermo del computer o del telefono. Non scrivete di lasciarli perdere, no. Non sono argomenti su cui sorvolare. So bene che non tutti sono così e vi ringrazio per i messaggi".


Le polemiche sul razzismo cui partecipa Balotelli sono ormai molte. Per esempio, sempre sui social, una volta il campione aveva condiviso uno striscione apparso durante una partita della Nazionale: "Il mio capitano di sangue italiano", chiaro riferimento al fatto che i tifosi non volessero Supermario con la fascia al braccio. "Siamo nel 2018 ragazzi basta! Svegliatevi! Per favore!", aveva replicato il calciatore. Che più di una volta si è anche scagliato contro il ministro dell'Interno Matteo Salvini.