Empoli promosso aritmeticamente in Serie A: decisiva la vittoria sul Cosenza

Il 4-0 sui calabresi regala la matematica promozione alla squadra di Dionisi, dominatrice del campionato. Adesso è bagarre per i playoff

Festeggiamenti dell'Empoli

Festeggiamenti dell'Empoli

Globalsport 4 maggio 2021

Una promozione arrivata dopo un campionato dominato, per una società che ormai negli ultimi anni è un modello, vista la permanenza per alcuni anni nella massima serie.

L’Empoli è matematicamente in Serie A.

Circa un centinaio di tifosi, con bandiere e fumogeni bianco azzurri, si sono ritrovati al termine della gara dell'Empoli con il Cosenza per festeggiare la promozione in serie A del club Toscano. I giocatori, al termine dei 90 minuti che ha visto i padroni di casa trionfare per 4-0 sui calabresi, sono saliti sugli spalti vuoti del Castellani, e hanno festeggiato, a distanza, con i tifosi assiepati fuori i cancelli.

La società ha affisso un grande striscione, nella balconata da cui si sono affacciati i giocatori, con la scritta "MerAvigliosa CreAtura" e gli stemmi ufficiali del club.

Con la vittoria per 4-0 contro il Cosenza la compagine toscana è matematicamente promossa con due giornate di anticipo sulla fine del campionato.

"Un campionato semplicemente straordinario. I nostri azzurri ci regalano ancora una volta il sogno della serie A e con due giornate di anticipo rispetto alla fine del campionato. Nel 2014, quando sono diventata sindaca, stavamo vivendo una favola firmata da Maurizio Sarri con la promozione. Poi ancora due salvezze sempre con Sarri e Giampaolo.

Ancora con Andreazzoli tutta la città ha sognato. Adesso con Dionisi la terza promozione in pochissimi anni". Lo ha dichiarato il sindaco di Empoli, Brenda Barnini.

"Alla base c'è la solidità di una società che è legata al territorio, dirigenti che sono nati a Empoli, che vivono a Empoli e che tutti conosciamo per l'attaccamento a questa maglia che ha appena compiuto un secolo di vita - ha aggiunto la sindaca -. Questa promozione nell'anno della pandemia rappresenta una rinascita simbolica per tutta la nostra città e spero sia di spinta per una ripartenza economica e civile di tutta la nostra zona".

"Un grandissimo risultato sportivo che è arrivato nonostante l'anno di chiusura degli stadi e la mancanza del sostegno diretto dei nostri tifosi - ha concluso Barnini - Adesso non potremo festeggiare per come vorremmo ma l'augurio è di poterlo fare alla ripartenza davvero tutti insieme e potendo tornare anche nelle scuole di tutto l'Empolese Valdelsa per quella Scuola del Tifo che tanto dice della fede azzurra e dei sani principi su cui è basata. Orgogliosi di essere empolesi".
Zona Playoff e playout - Dietro gli azzurri è bagarre: la Salernitana batte il Pordenone (2-1) in pieno recupero e si prende il secondo posto, il Monza vince sul Lecce (1-0) ed è terzo a scapito dei salentini, ora quarti.
A due giornate dalla termine i posti dal secondo al quarto sono ancora tutti in discussione. Il Cittadella vince con l’Entella (1-0) e si avvicina al Venezia, fermato dal Pisa sul 2-2.
Entra in zona playoff il Brescia, che stende il Vicenza (3-0) e scalza la Spal (sconfitta dal Frosinone per 1-0) all’ottavo posto. Settimo il Chievo, dopo il pari per 1-1 con la Cremonese: lombardi, emiliani e veneti hanno gli stessi punti, 50, ma al momento sarebbero fuori gli spallini.
Pareggia la Reggina con l’Ascoli (2-2), con i marchigiani che si avvicinano ancora di più alla salvezza: il vantaggio sul Cosenza è di sei punti, se dovesse resistere fino alla fine i playout non si giocherebbero. In coda rimanda la retrocessione il Pescara grazie alla vittoria sulla Reggiana per 1-0.