Troppo Real per una Roma confusa: al Bernabeu finisce 3-0

È finita come peggio non poteva Real Madrid-Roma, con un 3-0 che avrebbe potuto anche essere un punteggio più severo. 

Gareth Bale

Gareth Bale

Globalsport 19 settembre 2018

È finita come peggio non poteva Real Madrid-Roma, con un 3-0 che avrebbe potuto anche essere un punteggio più severo. 


L'azzardo più intrigante della partita è stato sicuramente l'esperimento di Zaniolo titolare, ma la Roma è partita subito in sofferenza con Gareth Bale subito pericolosissimo dopo 4 minuti, il suo mancino sfiora il palo. All'ottavo minuto è invece Isco - trovato da Modric - a presentarsi davanti a Olsen che salva in uscita.


La Roma prova a reagire in contropiede, Cengiz Under spreca al quarto d'ora un buon pallone di Kolarov mentre è Sergio Ramos alla mezz'ora a respingere un tentativo di El Shaarawy. Il Real controlla il gioco, Olsen tiene a galla i suoi su un tentativo di Isco che però al 45' - poco prima della fine del primo tempo - sblocca il match con un destro morbido. L'1-0 del Real apre agli spazi nella ripresa, la Roma ritenta col solito Under che trova la mano di Keylor Navas, poi è uno straordinario Bale a colpire la traversa al 49'.


La partita si infiamma, Zaniolo esce in favore di Pellegrini Modric al 55' spreca davanti a Olsen ma tre minuti dopo ci pensa proprio Bale a chiudere il discorso con il gol del 2-0: Modric lo pesca, Bale entra in area, controlla e fredda il portiere giallorosso. Poco da fare per la Roma, velenosa al 70' con il sinistro di Kolarov prima e al 72' quando è Patrik Schick - subentrato poco prima - a spedire alle stelle un pallone ottimo servito da Under. Il finale è dominato dal Real Madrid, controllo totale e arriva il 3-0 con uno splendido destro a giro di Mariano Diaz nel recupero: il nuovo 7 del Real bacia il Bernabéu, la Roma crolla con Dzeko sempre isolato e mai pericoloso dopo 5 gol di fila nella scorsa Champions. Di Francesco ha un problema in più e zero punti in un girone da non sottovalutare.