La Francia cala il poker: campioni del Mondo!

Francia - Croazia 4-2. I blues non esprimono un calcio scintillante, ma si chiudono e pungono in ogni occasione. Super Pogba e Mbappè

Francia

Francia

Redazione 15 luglio 2018

La Francia batte la Croazia 4-2 ed è campione del mondo. Subito in vantaggio i blues con un fortuito autogol di Mandzukic su punizione di Griezmann. L’attaccante dell’Atletico Madrid risulta essere anche in questa sfida devastante e raddoppia per la Francia, dopo il momentaneo pareggio di Perisic con una gran botta di sinistro. Il secondo tempo la Croazia in balia della Francia: Pogba segna a giro grazie a un rimpallo, poi Mbappè fa poker tirando una gran botta sul palo di Subasic. Sembra essere finita per la Croazia, ma Lloris decide di farla tornare in partita: passaggio sul piede di Mandzukic e 4 a 2. La Croazia tenta il pressing finale, ma la Francia si chiude bene. A Mosca il cielo è blues.
Pagelle:
Francia (4-2-3-1):
Lloris 5 – Dopo una prova normale rovina tutto con una “frittata” clamorosa. Regala in maniera banale la palla a Mandzukic che segna il 2-4. Nonostante questo può consolarsi alzando la Coppa.
Pavard 6.5 – Inizia il Mondiale da sconosciuto, lo chiude come una garanzia. Anche oggi, infatti, tiene bene il campo e non concede spazi agli avversari.
Umtiti 5.5 – Troppo molle in occasione del gol di Perisic e, nel complesso, soffre la fisicità di Mandzukic. Non un match impeccabile.
Varane 6.5 – Sul gol del vantaggio dà fastidio a Mandzukic, sul pareggio devia lievemente la cannonata di Perisic. Oltre a questo gioca 90′ di spessore, come suo solito.
Hernandez 6 – Inizia in maniera tranquilla, si becca un giallo a fine primo tempo che non lo condiziona. Nella ripresa non deve fare i salti mortali e in avanti non lo si vede più
Kantè 5.5 – Non una finale indimenticabile per il giocatore del Chelsea. Nel primo tempo fa il suo senza strafare, condizionato da un giallo. Esce subito in avvio di ripresa perchè il centrocampo croato iniziava a metterlo in difficoltà. Dal 9’st N’Zonzi 6 – Entra in campo per dare ulteriore fosforo a centrocampo, e lo fa nel migliore dei modi.
Pogba 6.5 – Inizia il match con il freno a mano tirato e si vede poco. Al 15’st Griezmann gli serve un assist al bacio. Ci prova una prima volta, la palla rimane li e lui la mette alle spalle di Subasic. Gol pesantissimo! L’ex juventino dimostra di essere uno dei migliori del suo ruolo e si consacra a livello mondiale.
Matuidi 6 – Gioca a sinistra nei tre dietro Giroud per dare sostanza al centrocampo. Fa il suo e non si risparmia. Ci prova di testa su calcio d’angolo e, suo malgrado, procura il fallo di mano di Perisic per il rigore. Esce stremato nella ripresa. Dal 28’st Tolisso 6 – Deschamps gli chiede ordine e gestione del pallone. Ci prova e spesso ci riesce. 
Griezmann 7 – Entra in ogni azione importante! Dalla sua punizione arriva l’autogol di Mandzukic, dove aveva piazzato bene il cross. Quindi realizza con freddezza il penalty, spiazzando Subasic. Nell’azione del 3-1 serve il pallone a Pogba. Perfetto in ogni momento!
Mbappè 7 – Spesso sparisce dal match, ma quando si fa vedere lascia il segno. Quando parla a palla al piede terrorizza i croati e, inoltre, segna il quarto gol con un tiro imparabile! Una perla di un fenomeno!
Giroud 5.5 – Gioca una partita volenterosa mettendo pressione ai difensori croati. Occasioni: zero. Dal 36’st Fekir S.V.- 
Croazia (4-2-3-1):
Subasic 5 – Sorpreso dal tocco all’indietro di Mandzuki nell’1-0. Sul rigore di Griezmann si butta dalla parte sbagliata. Sul terzo gol è incolpevole, sul quarto, invece, non si muove e rovina finale e Mondiale.
Vrsaljko 5.5 – Nel primo tempo è assente ingiustificato. Sale con il passare dei minuti ma solo a sprazzi fa vedere la sua qualità in fase di spinta.
Lovren 6 – Deve vedersela con Giroud, e vince il duello, con gli altri, invece cede il passo con il passare del tempo. Prova volenterosa, ma non ha colpe specifiche.
Vida 6.5 – Il migliore della retroguardia. Domina a livello fisico e, in un paio di occasioni, va a chiudere alla disperata su Mbappè lanciato a tutta velocità.
Strinic 5.5 – Aveva il ruolo meno invidiato della serata: opporsi a Mbappè. Spesso va in difficoltà contro la velocità dell’ex Monaco, ma non combina disastri. Dal 36’st Pjaca S.v.
Brozovic 5.5 – Gioca ancora davanti alla difesa ma non riesce a sfruttare le sue visioni di gioco. In altre occasioni ha saputo garantire maggiore qualità ai suoi, purtroppo non oggi.
Rakitic 5.5 – Meno brillante di altre volte, e non riesce ad incidere. Ha una occasione al 32’st ma il suo sinistro finisce di poco a lato. Nel complesso una delle sue versioni peggiori di questo Russia 2018.
Modric 6 – Ci mette tutta la sua qualità e la sua voglia, ma il miracolo non riesce. Non certo per colpa sua..
Rebic 5.5 – Match non indimenticabile per l’ex Fiorentina che si sbatte ma non riesce mai a rendersi utile o pericoloso. Esce nella ripresa dopo 70 minuti senza guizzi. Dal 25’st Kramaric 5.5 – Viene messo in campo per aumentare la forza di fuoco offensiva, ma non riesce a rendersi pericoloso.
Perisic 6.5 – Dopo una semifinale strepitosa gioca anche una grande finale, almeno nella prima ora di gioco. Mette in difficoltà gli avversari e segna uno strepitoso gol dell’1-1! Mezzo voto in meno perchè al 34′ procura il rigore per fallo di mano in area. Nella ripresa si vede di meno, ma il suo apporto è comunque notevole.
Mandzukic 6 – Nel bene e nel male. Va a saltare in difesa per dare man forte ai suoi ma, per sua sfortuna, devia la punizione di Griezmann alle spalle di Subasic. Non un buon segnale. Nella ripresa segna il 2-4 grazie a  gentile concessione di Lloris e prova a farsi perdonare. Come sempre lotta, ma stavolta non riesce a essere l’eroe nazionale.