Storico Sinner: batte Bautista Agut ed è in finale a Miami. La prima in un Masters 1000 a 19 anni

Il tennista altoatesino batte lo spagnolo in tre set 5-7 6- 6-4: è il più giovane italiano di sempre a farlo e il più giovane da Nadal nel 2005. In finale uno tra Rublev e Hurkacz

Jannik Sinner

Jannik Sinner

Globalsport 2 aprile 2021

Siamo davanti sicuramente a una stella da preservare nel panorama sportivo italiano.

Con un’impresa degna di un veterano di questo sport, il 19enne Jannik Sinner ha conquistato la finale del Masters 1000 di Miami con il punteggio di 5-7 6-4 6-4.

E’ il secondo italiano nella storia a raggiungere una finale in un Masters 1000 (nel 2019 ci era riuscito Fognini a Montecarlo) e il più giovane da Rafael Nadal nel 2005.

Dopo aver eliminato (in ordine) il francese Hugo Gaston, il russo Karen Khacanov, il finlandese Emil Ruusuvuori e il kazako Aleksandr Bublik, l'italiano si ripete anche con la testa di serie numero 7 del torneo (10 al mondo).

Il match dell'italiano parte in salita, con il break subito al primo game.

Sul 3-1 per lo spagnolo inizia la rimonta di Sinner, concretizzata nel break del 3-3 e nel successivo turno in battuta mantenuto, che lo porta in vantaggio per la prima volta nel corso dell'incontro.

Il 19enne concede però un altro break allo spagnolo, che si porta 6-5 e va a prendersi poi il primo set nel game successivo (giocato peraltro in modo spettacolare).

Nel secondo set Bautista Agut sembra leggermente  più impreciso rispetto al primo, Sinner ne approfitta (rischiando grosso nel settimo game, con 4 palle break annullate) e si prende la possibilità di giocarsi tutto nel terzo set andando a vincere 6-4.

Nell'ultimo set lo spagnolo riprende in mano le redini della gara e ruba il servizio già al terzo game.
L'italiano replica al sesto e si porta sul 3-3, per poi andare a vincere 6-4 con una prova impressionante, di carattere e personalità, rubando il servizio nel decimo game.

Adesso in finale affronterà il vincente della semifinale tra Rublev e Hurkacz.

Subito dopo l'incontro Sinner ha commentato la vittoria: "Incredibile, sono contentissimo. Era difficile giocare la prima semifinale in un mille. Ho affrontato un giocatore solidissimo, è stata una dura battaglia anche due settimane fa. Vincere oggi vuol dire tanto per me. Rimonta? All'inizio eravamo tutti e due un po' tesi, oggi non era facile giocare bene, c'era vento. Ho cercato di servire meglio, di muoverlo di più e mischiare le carte. Questa è stata la chiave". Poi sul servizio rubato al decimo game del terzo set: "Nel game precedente ho sentito un po' più di ritmo, ho pensato che dovevo dare il tutto per tutto, tanto anche se avessi perso saremmo stati 5-5".