Biden frena sulla presenza della delegazione Usa ai Giochi olimpici: "Resta da vedere"

In un'intervista trasmessa durante l'intervallo del Super Bowl, il neoeletto presidente annuncia che la decisione in merito sarà basata sulla scienza, gli Usa potrebbero anche non partecipare

Joe Biden

Joe Biden

Globalsport 8 febbraio 2021
Joe Biden è in carica da circa 3 settimane come 46° presidente degli Stati Uniti d'America e fin da subito, in realtà già durante la campagna elettorale, ha messo in chiaro che il suo mandato sarebbe stato svolto nel segno della scienza in tutte le sue declinazioni, soprattutto per via della pandemia in corso.
Tale spirito guida basato sugli studi scientifici sul Coronavirus ha coinvolto anche lo sport americano, in quanto Biden ha annunciato che alle prossime Olimpiadi di Tokyo che si svolgeranno dal 23 luglio all' 8 agosto, la decisione sulla parteciazione della delegazione sportiva a stelle e strisce sarà subordinata all'andamento della pandemia globale di Covid-19, saranno dunque ascoltate con grande attenzione le indicazioni degli scienziati.
Nonostante la notizia che ha sorpreso gli addetti ai lavori già provati dai continui tira e molla e stremati dalle difficoltà nella preparazione in sicurezza dell'evento, il presidente Biden ha riconosciuto l'impegno e lo sforzo che il governo giapponese sta perpretando per il regolare svolgimento della manifestazione sportiva e rivolgendosi indirettamente al premier nipponico Yoshihide Suga ha affermato: "sta lavorando molto duramente per essere in grado di aprire i Giochi in sicurezza". "Spero che possiamo partecipare, spero sia possibile, ma resta da vedere".
Erano inevitabili defezioni o annunci di questo genere dai diversi paesi, ma il tentennamento di una delle delegazioni sportive più grandi del mondo potrebbe scatenare reazioni a catena sulle delegazioni di altri paesi e ripercussioni imprevedibili sui Giochi olimpici.