Top

Ceferin attacca la Superlega: "E' la Terrible League. L'Italia? Troppa burocrazia, deve investire"

Il numero 1 della Uefa ha parlato della guerra in Ucraina, della possibilità dell'Italia di organizzare un grande evento e del progetto Superlega non ancora naufragato del tutto.

Ceferin attacca la Superlega: "E' la Terrible League. L'Italia? Troppa burocrazia, deve investire"

Redazione

11 Marzo 2022 - 09.49


Preroll

Alexandr Ceferin, presidente dell’Uefa, ha parlato della guerra in Ucraina – “Sono ottimista e sicuro che finirà presto” – della possibilità dell’Italia di organizzare un grande evento e soprattutto della Superlega.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Se stabiliscono che la Uefa è un monopolio, i tre club si facciano pure la loro Uefa, giochino le loro competizioni. Perché vogliono stare nelle nostre? Vogliono stare qui e là, ma là non esiste, è un luogo metafisico. Penso credano anche che il mondo sia piatto. E poi finiamola di chiamarla Superlega, chiamiamola per quel che è: la Terrible League. Però anche se con quelle tre abbiamo problemi fuori – dice riferendosi a Juve, Real e Barça -, in campo tutti avranno sempre gli stessi diritti. Le nostre competizioni sono sane, senza preferenze per nessuno”. Ceferin non cita mai Agnelli. “Uefa e Juve sono due istituzioni: avranno sempre rapporti corretti. Sulla persona nominata – appunto Agnelli – non voglio più dire una parola: è il passato”.

Middle placement Mobile

“Le sanzioni sono necessarie: non è politica, ma una crisi umanitaria. Mi piange il cuore a punire gli atleti: non è la loro guerra, non l’hanno decisa né voluta. Ma dobbiamo mostrare unità per la pace”.
Altro punto focale della strategia della Uefa contro la Russia è l’interruzione del contratto di sponsorizzazione con la Gazprom. “Finanziariamente è costato molto. Per noi è un colpo al portafoglio, ma alla gente viene tolta la vita. Parlo tutti i giorni con Pavelko, presidente della federazione ucraina. Ho avvisato Dyukov della federcalcio russa prima di decidere: non sono un codardo, non faccio le cose di nascosto”.

Dynamic 1

L’Italia potrebbe organizzare gli Europei del 2028 ma servono investimenti e infrastrutture.
“Le chance le ha, ma deve investire: da tanti anni non rifate gli stadi. Non avete impianti nuovi e quei pochi rifatti sono piccoli. Mi dicono che pure San Siro sarà rimpicciolito. Va coinvolto il governo, è un’operazione che fa bene al Paese. Ho grandi rapporti con le istituzioni, con il presidente Figc Gabriele Gravina e con Evelina Christillin, sempre pronti a sostenerci. Amo l’Italia. Il problema da voi è la burocrazia”. Infine il futuro in generale e quello suo in particolare: “Sono ottimista e abbastanza sicuro che la guerra finirà presto. Penso che mi ricandiderò per un altro mandato Uefa, sperando di non vivere sempre in una crisi continua”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage