NBA: i risultati della notte | Globalsport
Top

NBA: i risultati della notte

Antetokounmpo in modalità Greek Freak. Bene anche Denver, Clippers e Warriors. I Lakers cadono a New Orleans e degli stoici Nets ribaltano Washington pur senza Durant e Irving.

NBA: i risultati della notte
Preroll

Redazione Modifica articolo

6 Febbraio 2023 - 09.15


ATF

di Niccolò Righi

Milwaukee non sbaglia e centra la settima vittoria consecutiva battendo dei decimati Miami Heat per 123-115. I ragazzi di Coach Budenholzer sembrano aver trovato nuova linfa dal ritorno dell’altra stella Chris Middleton (24/7/4) e a giovarne più di tutti è stato sicuramente Antetokounmpo, autore di una tripla doppia da 35 punti 15 rimbalzi e 11 assist.In casa Nuggets a prendersi le luci della ribalta non è stranamente Jokic, autore comunque della diciottesima tripla doppia in stagione (e se 18 triple doppie di un centro non fanno più notizia è segno dell’impatto che il serbo sta avendo nella Lega). Alla Ball Arena i padroni di casa vincono contro gli Atlanta Hawks per 128-108 grazie ad un super Jamal Murray da 41 punti, 5 rimbalzi e 7 assist.

Tornano alla vittoria anche i Pelicans dopo dieci sconfitte di fila e a farne le spese, manco a dirlo, sono i Lakers, battuti per 131-126. L’unica nota positiva della serata sono i 27 punti di James che lo portano a -36 dal record di sempre: nella notte tra martedì e mercoledì allo Staples Center (Crypto.com Arena, pardon…) contro Oklahoma potremmo assistere alla storia, tanto che alcuni biglietti in prima fila sono arrivati a costare 92.000 dollari. Per il resto il campo porta riscontri tutt’altro che rassicuranti e chissà se la soluzione ai problemi della squadra possa arrivare da Brooklyn.

Sorride invece l’altra “sponda” di Los Angeles, con i Clippers che si aggiudicano la partita contro i New York Knicks all’over time per 134-128 grazie alle prestazioni di Kawhi Leonard (35/5/3 con un 12 su 12 ai tiri liberi) e Paul George (30/8/5). Per i Clippers si tratta della settima vittoria nelle ultime nove partite anche se la gestione dell’ultimo quarto inizia a diventare un problema che Coach Lue dovrà risolvere. Dopo aver subito la rimonta di Milwaukee pochi giorni fa, questa notte i Clippers si sono fatti rimontare un vantaggio di 17 punti e hanno trovato l’over time solo grazie al canestro sulla sirena di Batum. Bene anche i Golden State Warriors, che battono i Dallas Mavericks (senza Doncic) per 119-113, trascinati da un Green da 17/9/9, e Phonex Suns, che proseguano la loro rimonta ai play-off battendo 116-110 i Detroit Piston, con una doppia doppia di DeAndre Ayton da 31 punti e 16 rimbalzi.

Gli altri risultati di serata vedono degli stoici Nets spazzare via gli affari extra-cestistici superando i Washington Wizards per 125-122, dopo aver completato una rimonta di 23 punti. In assenza di Kevin Durant e Kyrie Irving a zittire le voci dei detrattori e a far parlare il campo ci pensa Cam Thomas, autore del suo massimo in carriera da 44 punti in appena 29 minuti, con 16/23 al tiro, 4/5 dall’arco, cinque rimbalzi e cinque assist. Zach LeVine si riveste dei fasti di un tempo e trascina con 36 punti, assieme alle altre stelle della squadra DeRozan (27/7/7) e Vucevic (23/11/4), i suoi Bulls alla vittoria per 129-121 contro Portland. Infine, Oklahoma travolge Houston per 153-121 (record di punti per la franchigia) grazie ad una grande prestazione di Shai Gilgeous-Alexander da 42 punti, venti dei quali solo nel primo quarto.

Native

Articoli correlati