Gianmarco Pozzecco resterà alla Dinamo Sassari

La conferenza stampa di questa mattina cambia tutto: Gianmarco Pozzecco resta l'allenatore della Dinamo Sassari

Gianmarco pozzecco (foto di Sky Sport)

Gianmarco pozzecco (foto di Sky Sport)

Globalsport 15 giugno 2020
Colpo di scena degno di un film di Hollywood. La Dinamo Sassari ha confermato Gianmarco Pozzecco alla guida della squadra dopo che, negli ultimi giorni, entrambe le parti avessero lasciato trasparire una rottura.
Continua quindi l'avventura del 'Poz' che dal suo arrivo, datato 11 Febbraio 2019, ha già messo in bacheca: una Supercoppa italiana, una Europe Cup e ha sfiorato la vittoria dello scudetto, dopo aver eliminato l'Olimpia Milano per 3-0 nei playoff.
Le prime voci di un possibile divorzio hanno iniziato a circolare da venerdì 12 giugno, le motivazioni sembravano essere molteplici.
Inanzitutto la scelta della società di non rinnovare Dwayne Evans e di non puntare sul playmaker Vasa Pusica, fortemente voluto da Pozzecco.
Poi l'uscita di quest'anno al primo turno delle Final Eight di Coppa Italia e la mancata integrazione di McLean e Jerrels all'interno della squadra, per volere del coach, non sono state certo viste di buon occhio dalla dirigenza.
Ma nella conferenza stampa di questa mattina, dopo un lungo video che sembrava essere quello per salutare Pozzecco, il presidente Stefano Sardara ha confermato il coach alla guida della squadra.

"Sono stati giorni di riflessione che hanno provocato in me una tempesta ormonale che mi hanno fatto prendere in considerazione l’idea di lasciare la Dinamo, lo sa Stefano che avrebbe vissuto con la stessa enfasi e lo stesso dispiacere questa situazione. -queste le parole di Pozzecco dopo la sua conferma sulla panchina della Dinamo-."
"Sono cose che si fanno quelle di riflettere, professionalmente non è semplice coniugare lavoro e amicizia. Sono estremamente felice di ritrovarmi qui oggi per raccontarvi delle cose che ho vissuto emotivamente in questi giorni: vivo lo sport in modo anomalo, il mio percorso è sempre stato focalizzato sul vivere determinate emozioni -prosegue il 'Poz'-."
"Mi guardo indietro e vedo momenti fantastici grazie agli sforzi di una società e di un’isola intera. Continueremo a vivere la pallacanestro in modo enfatico, sempre tirandoci i piatti addosso ma magari schivandoli. Emulare nel mondo dello sport moderno è praticamente impossibile, ma ora capisco cosa abbia spinto Gigi Riva a fare determinate scelte. Mi ha fatto riflettere molto, non vedo l’ora di abbracciare i miei giocatori -conclude-."