Arsenal, è ufficiale: Emery nuovo allenatore dei Gunners

Il tecnico basco, ex Psg e Siviglia, raccoglie la pesante eredità di Arsène Wenger, che lascia il club londinese dopo 22 anni

Emery

Emery

Redazione 27 maggio 2018

Arsène Wenger lascia il timone dell’Arsenal dopo 22 anni, ed è ormai cosa ufficiale, il suo successore è l’ex tecnico di Siviglia e Paris Saint Germain, Unai Emery. La firma nero su bianco è avvenuta durante la mattinata del 26 maggio, con la quale l’allenatore basco si è legato ai Gunnersi fino al 2022. Arriva così un profilo assolutamente vincente a Londra, fresco vincitore della Ligue1, della Coppa di Francia e della Coppa di Lega, oltre a tre Europa League con il Siviglia. Ad annunciare l’ingaggio di Emery è stata la stessa società inglese attraverso questa nota ufficiale: "Unai Emery diventa il nostro nuovo allenatore – si legge sul sito dell’Arsenal -.
Orgoglio, emozione e tanta soddisfazione nelle parole di Unai Emery, che ha affidato al sito ufficiale dell’Arsenal le sue prime sensazioni: "Sono entusiasta di entrare a far parte di uno dei più grandi club del calcio. L'Arsenal è conosciuto e amato in tutto il mondo per il suo stile di gioco – ha detto il nuovo allenatore dei Gunners -, il suo impegno per i giovani giocatori, per il suo fantastico stadio, il modo in cui il club è gestito. Sono molto eccitato di avere la responsabilità di iniziare questo importante nuovo capitolo della storia dell'Arsenal. Ho incontrato la proprietà, è chiaro che hanno grandi ambizioni per il club e sono impegnati a portare successi futuri. Sono entusiasta di ciò che possiamo fare insieme e non vedo l'ora di dare a tutti coloro che amano l'Arsenal alcuni momenti e ricordi speciali.
Più che certi della scelta compiuta i dirigenti dell’Arsenal, che hanno spiegato i motivi che hanno spinto il club a puntare su Emery: "Unai ha esperienza e ha ottenuto straordinari successi nel corso della sua carriera – ha detto l’amministratore delegato dei Gunners, Ivan Gazidis -, nel corso degli anni ha contribuito allo sviluppo di alcuni dei migliori giovani talenti in Europa e il suo stile di gioco entusiasmante si adatta perfettamente all'Arsenal. Il suo approccio laborioso e appassionato e il suo senso dei valori dentro e fuori dal campo lo rendono la persona ideale per portarci avanti. Abbiamo condotto una ricerca specifica, ampia e rigorosa che coinvolge numerosi riferimenti di fondo, analisi di dati e video e incontri personali con tutti i candidati che abbiamo selezionato. Tutti erano interessati alla posizione, ma la scelta ricaduta su Unai è stata unanime. Siamo felici che sia lui a guidare il prossimo capitolo della nostra storia". "Siamo lieti di dare il benvenuto a Unai Emery all'Arsenal – ha aggiunto il proprietario della maggioranza del club, Stan Kroenke -, lui è un vincente. Siamo fiduciosi che sia la persona giusta e che lavorerà per regalare tanti successi ai nostri tifosi, allo staff e a tutti coloro che amano l'Arsenal. Diverse cose ci hanno colpito durante i nostri incontri: la sua conoscenza del calcio, l'energia, la determinazione. La sua familiarità e la sua conoscenza del nostro club, dei nostri giocatori, della Premier League e del gioco in Europa sono stati molto impressionanti. Condivide la nostra visione di andare avanti, di costruire sulla piattaforma creata da Arsene Wenger e aiutare questo club ad avere più successo".
La scelta di puntare su Unai Emery come successore di Arsene Wenger sulla panchina dell’Arsenal è arrivata nella giornata di lunedì. L’ex allenatore del Paris Saint Germain ha trovato l’accordo totale con il club londinese, superando di fatto l’altro candidato al ruolo, Mikel Arteta, ex centrocampista proprio dei Gunners ed attualmente membro dello staff di Guardiola al Manchester City. A pesare sulla scelta la maggiore esperienza di Emery, capace di conquistare diversi trofei sia alla guida del PSG che sulla panchina del Siviglia.
Partito giovanissimo dalla panchina del Lorca nel 2005, l’allenatore classe ’71 ha guidato Almeria, Valencia e Spartak Mosca prima di affermarsi definitivamente a livello europeo con il Siviglia. Con la squadra andalusa Emery ha conquistato per tre stagioni consecutive (2013/14, 2014/15 e 2015/16) l’Europa League, un record per la competizione. Poi la grande occasione al Paris Saint Germain, dove in due stagioni ha vinto una Ligue 1, due Coppe di Francia, due Coppe di Lega e due edizioni della Supercoppa francese. Pesanti, però, le due eliminazioni in Champions League, obiettivo dichiarato del club parigino. Adesso per Emery la nuova avventura sulla panchina dell’Arsenal: l’inizio di una nuova era, i Gunners ripartono da lui.