Messi dona 500 mila euro agli ospedali argentini

La pulce ha donato un’ingente somma alla fondazione Garrahan per rafforzare la risposta sanitaria argentina alla pandemia da Covid-19

Lionel Messi

Lionel Messi

Globalsport 13 maggio 2020

Lionel Messi, già noto per la sua generosità, ha donato 500 mila euro alla fondazione Garrahan di Buenos Aires: soldi che saranno utilizzati in Argentina per consentire agli ospedali di rafforzare la loro risposta contro il nemico pubblico numero 1: il Coronavirus.


La pulce, che non è nuova a questo tipo di iniziative, fa sapere il Garrahan stesso con un comunicato stampa, avrebbe effettuato la donazione, attraverso la fondazione Lionel Messi, nel quadro della campagna di raccolta fondi denominata "Insieme per la salute argentina".  


I soldi mandati dal pallone d’oro serviranno, come comunica la fondazione stessa, ad acquistare materiali e macchinari per il trattamento delle malattie causate dal Covid-19.


Grazie al contributo del capitano della nazionale argentina e del Barcellona, la Fondazione Garrahan ha deciso di aiutare vari centri, fra cui l’Ospedale José María Cullen di Santa Fe, l’Ospedale provinciale del Centenario a Rosario, l’Ospedale del Bicentenario di Esteban Echeverría, in provincia di Buenos Aires, l’Ospedale di Canuelas e l’Ospedale Manuel Belgrano di San Martín.


Grazie ai fondi messi a disposizione dal campione è stato possibile acquistare ben 5 respiratori artificiali ad alta frequenza ed il materiale necessario per tutto il personale sanitario coinvolto in prima istanza nella battaglia contro il virus.


Silvia Kassab, direttrice esecutiva della fondazione, ha raccontato: "La Fondazione ha potuto avere un contributo molto importante da Leo Messi. Siamo stati in grado di acquisire attrezzature per varie province, nonché elementi necessari per medici e infermieri".


La responsabile dell'associazione ha infine concluso: "La partecipazione di Messi si è concretizzata attraverso una donazione ingente. Contributi con cui abbiamo rapidamente iniziato a elaborare l’acquisizione di attrezzature importate per far fronte alla pandemia. Tra le attrezzature comprate grazie a lui ci sono: monitor, respiratori per il trasporto, pompe per infusione e defibrillatori. Inoltre, tutto ciò che è indumenti ed elementi di protezione per il personale sanitario, come mascherine, camici e maschere".