Il Coronavirus ferma il calcio cinese: sospesi tutti i campionati

A causa del diffondersi dell'epidemia la federazione calcistica cinese ha decretato il rinvio a tempo indeterminato di tutte le partite in calendario.

Logo Chinese Football Association

Logo Chinese Football Association

Globalsport 31 gennaio 2020

Ormai dichiarato “emergenza globale” dall’OMS, il Coronavirus si ripercuote anche sugli eventi sportivi della Cina, paese d’origine del ceppo virale più temuto dai tempi della SARS. La Chinese Football Association ha infatti annunciato che gli eventi calcistici in calendario nel 2020 sono stati rinviati a data da destinarsi.


 


La federazione cinese in un comunicato stampa ha infatti dichiarato che tutte le manifestazioni calcistiche sono state sospese al fine di “prevenire e controllare la polmonite epidemica dell’infezione Coronavirus e di garantire la salute di tifosi, giocatori, allenatori, arbitri, e personale dei club”.


 


In questo momento la sospensione è da considerarsi a tempo indeterminato. Ricordiamo il fatto che attualmente in Cina militano cinque tesserati italiani: gli attaccanti Graziano Pellè (Shandong Luneng), Stephan El Shaarawy (Shanghai Shenhua) ed Eder (Jiangsu Suning) e i tecnici Fabio Cannavaro (campione di Cina con il Guangzhou Evergrande) e Roberto Donadoni (allenatore dello Shenzhen in China League One).