Italia - Olanda 1 a 1: Ake beffa gli azzurri a 2' dal termine

Gli azzurri di Mancini vanno avanti nel secondo tempo con Zaza. Tuttavia, in 10 per l'espulsione di Criscito, si fanno beffare nel finale

Cristante

Cristante

Redazione 4 giugno 2018

Contro l’Olanda Mancini conferma ancora il 4-3-3, ma diverse sono le novità rispetto alla sfida di venerdì scorso persa contro la Francia. Perin a difendere i pali allo stadio di Torino, in quella che potrebbe essere la sua nuova casa. Al centro della difesa la coppia Rugani – Romagnoli, il futuro della difesa azzurra, con Zappacosta e Criscito sugli esterni. Davanti la difesa il regista è Jorginho, protetto ai lati da Cristante e Bonaventura. Balotelli resta in panchina, mentre la punta titolare è Belotti, supportato da Insigne, capitano per l’occasione – primo giocatore del Napoli nella storia a guidare da capitano la Nazionale azzurra -, e da Verdi.

Koeman sceglie invece il 4-3-1-2, con Depay e Babel tandem d’attacco, mentre alle loro spalle agisce Vilhena. Davanti a Cillessen, la linea difensiva è composta da Hateboer, van Dijk, De Ligt e Blind, con il neo interista de Vrij inizialmente in panchina. A centrocampo c’è un altro atalantino, de Roon, al fianco di Wijnaldum e Vormer.
L'Olanda sembra partire con grande aggressività, ma corre un grosso pericolo dopo meno di tre minuti, quando Belotti segna il gol dell'1-0. Il bomber granata va a festeggiare, ma l'assistente dell'arbitro annulla giustamente per fuorigioco perché l'attaccante è di qualche centimetro avanti sulla deviazione verso il centro di Cristante. La fiammata iniziale si attenua col passare dei minuti, a causa di troppa imprecisione da ambo le parti nella costruzione del gioco.
Tra gli azzurri il più brillante continua a essere Belotti che, poco prima del quarto d'ora, sorprende sul filo del fuorigioco la difesa di Koeman, ma viene fermato di nuovo - con molti più dubbi - per offside. È la Nazionale di Mancini che fa la partita, ma trovare varchi nella difesa Oranje è molto complicato. I lanci in verticale danno l'impressione di scombussolare il reparto arretrato degli olandese, ma i pericoli maggiori arrivano sempre dai calci piazzati. Nessuno di questi però si concretizza in un vero e proprio tentativo dalle parti di Cillessen.
Almeno fino alla mezz'ora, quando Belotti viene pescato solo a centro area, ma si divora l'opportunità, facendosi bloccare la conclusione dal portiere di riserva del Barcellona. Il brivido procurato galvanizza gli azzurri che ci riprovano subito con Verdi, liberato da uno splendido passaggio di Insigne, ma l'esterno del Bologna spara alto.
L'Olanda in fase offensiva è invece praticamente inesistente, se non per qualche guizzo di Depay. L'Italia contiene la timida reazione degli avversari e si ripropone in avanti, sempre con la solita verticalizzazione improvvisa alle spalle della difesa. Questa volta il destinatario del passaggio di Jorginho è Verdi che controlla bene, perde un tempo di gioco e conclude con il mancino, ma Cillessen devia in angolo. Sul corner è Criscito a sfiorare il vantaggio, con un colpo di testa respinto sulla linea da Vormer. Il terzino, promesso sposo del Genoa, ci riprova in chiusura di primo tempo, ma la sfera termina ampiamente a lato.
La ripresa. In avvio di secondo tempo c'è solo una novità in campo: Janmaat al posto di Hateboer. Il tema dell'incontro è invece lo stesso dei primi 45 minuti, con Insigne che prova a sbrogliare la situazione con una botta da fuori che termina di metri sopra la traversa. L'Olanda continua a vivere di fiammate e dopo un'ora di gioco costruisce la prima occasione della sua partita, con il mancino volante di Vilhena che sorvola il legno di pochissimo. Anche Mancini adopera le prime sostituzioni, con l'ingresso di De Sciglio al posto di Zappacosta e soprattutto quello di Chiesa e Zaza per Verdi e Belotti. Cambi che portano anche a un cambio di modulo da parte degli azzurri.
Sono di nuovo gli Oranje però a rendersi pericolosi, con un colpo di testa centrale di Depay, lasciato colpevolmente solo a centro area. I cambi danno nuova linfa alla Nazionale e al 67' arriva anche il gol del vantaggio. Chiesa si invola sulla fascia e crossa in mezzo dove Zaza, con un rimpallo sul tentativo di rilancio di van Dijk, beffa Cillessen e sblocca il punteggio.
La rete però distrae la squadra di Mancini che si fa cogliere impreparata pochi secondi dopo. Criscito non riesce a contenere la corsa di Babel e lo stende, rimediando l'espulsione che lascia in 10 gli azzurri. Sulla punizione dal limite è sempre Depay a cercare la via del gol, ma Perin si distende e neutralizza il tentativo da fermo.
Koeman si gioca il tutto per tutto e rimodula la squadra con una formazione super offensiva. Mancini invece, oltre a Bonucci per Insigne vista l'inferiorità numerica, dà spazio a forze fresche come Baselli e Pellegrini. Una dormita generale della difesa manda al tiro Vilhena che non trova di poco lo specchio. E a due minuti dalla fine dei tempi regolamentari arriva il pareggio dell’Olanda con Ake, che di testa non lascia scampo a Perin.


Statistiche & curiosità. Venti i precedenti tra Italia e Olanda: 9 vittorie azzurre, 8 pareggi e 3 successi oranje. La Nazionale è imbattuta contro gli olandesi nelle amichevoli, con 8 successi e 7 incontri finiti in parità. Sono stati messi a segno 24 gol in queste gare, subendone 12. L'ultimo incrocio risale al 28 marzo 2017, all'Amsterdam ArenA: vittoria per 1-2 dell'Italia, con i gol di Eder e Bonucci che ribaltarono l'iniziale autorete di Romagnoli. 38 le partite disputate a Torino dall Nazionale: 24 vittorie, 8 pareggi e 5 sconfitte. Torino è la terza città per numero di gare giocate dagli azzurri dopo Roma e Milano. Sarà il quarto match ospitato dallo Juventus Stadium (Allianz per ragioni di sponsorizzazione): 1 vittoria e 2 pareggi il parziale.