Cavendish fa tris sulle strade del Tour e mette nel mirino Merckx. Classifica generale invariata

Il velocista tornato alla ribalta raggiunge quota 33 alla Grande Boucle e si porta a meno uno dal record del Cannibale. Tappa di oggi decisa da una volata dopo il grande vento

Mark Cavendish vince al tour

Mark Cavendish vince al tour

Globalsport 6 luglio 2021

Era il favorito e non ha disatteso le aspettative: Mark Cavendish vince la decima tappa del Tour de France 2021, l’Albertville-Valence, di 190,7 chilometri.

Il corridore britannico della Deceuninck-Quick Step si aggiudica la frazione in volata davanti ai belgi Wout Van Aert (Jumbo-Visma) e Jasper Philipsen (Alpecin-Fenix) ed ottiene la terza vittoria di tappa in questa edizione della Grande Boucle, nonché il successo numero 33 in carriera nella corsa francese.

Vacillano Eddy Merckx e il suo record di 34 tappe vinte al Tour.

In ottica classifica generale, lo sloveno Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) resta al comando e mantiene la maglia gialla con 2’01” di vantaggio sull’australiano Ben O’Connor. Tanta attesa ora per l’undicesima tappa, in programma domani da Sorgues a Malauce’ne di 198.9 km: ben 5 i Gpm, tra cui la doppia scalata al terribile Mont Ventoux.

Mont Ventoux che evoca ricordi dolceamari per il ciclismo nostrano: nel 2000 Marco Pantani, dopo la squalifica per doping, sfidò e batté Lance Armstrong al Tour dopo essere stato staccato. Una delle ultime vittorie per il Pirata (che poi vinse anche a Courchevel).

La presentazione - Una corsa gialla che ha già un suo padrone, con Tadej Pogacar che sembra aver già ipotecato il Tour de France, agli avversari restano le briciole, ovvero la lotta al podio e quella per le singole frazione.

Ma la tappa 10 della corsa francese domani dovrebbe essere rivolta ai velocisti ancora in gara, considerando i 190 chilometri sostanzialmente piatti da Albertville a Valence. Sarà lotta per la maglia verde, con Mark Cavendish che andrà a caccia di punti preziosi per la classifica a punti, tenendo un occhio all'eventuale volata finale.

Sempre che il gruppo abbia la forza per bloccare i prevedibili tentativi di fuga. Vento piacendo, non sono attesi scossoni in classifica generale

Frazione abbastanza lunga, circa 190 chilometri, ma mossa solo nella prima parte. Dopo Albertville salita di quarta categoria del Col de Couz, 7 chilometri al 3% con vetta al chilometro 58.

Segue un piccolo strappetto per il traguardo volante di La Placette al chilometro 82, poi la seconda parte della tappa è sostanzialmente facile verso la valle del Rodano.

Tanta pianura nei successivi 100 chilometri ad eccezione di un piccolo strappo Samson a 32 dal traguardo, ma non farà selezione. Nel finale, appena entrati a Valence, ci sarà una curva a 90 gradi verso destra. Sarà arrivo in volata.

Sulla carta è tappa per velocisti, ma in tanti si sono ritirati. Non sono più in corsa Ewan, Merlier, Coquard e Demare, per cui occhi su Mark Cavendish, Danny Van Poppel, Nacer Bouhanni, Peter Sagan, Sonny Colbrelli e André Greipel.