Playoff Nba: ai Suns anche Gara 2 della finale di conference a Ovest, decide all'ultimo l'alley-oop di Ayton

Vince Phoenix in casa nonostante l'assenza di Chris Paul per 104 a 103 costringendo gli avversari all'ennesima rimonta se vogliono riportare la serie in equilibrio

L'alley-oop vincente di Ayton che ha consegnato i due punti del pareggio e sorpasso sui Clippers

L'alley-oop vincente di Ayton che ha consegnato i due punti del pareggio e sorpasso sui Clippers

Globalsport 23 giugno 2021
Dopo la vittoria sempre a Phoenix in Gara 1 dei padroni di casa per 120-114 con la prestazione "Bryant-esque" di Devin Booker con 40 punti, 13 rimbalzi e 11 assist per il giovane figlio d'arte alla prima serie playoff in carriera, i Suns bissano il successo e vincono anche la seconda sfida con i Clippers, orfani di Leonard, che hanno rischiato anche di vincere se non fosse stato per i due errori consecutivi alla lunetta di Paul George a 8 secondi dalla fine sul 103-102 per Los Angeles.
Dopo aver rimontato nel primo turno Dallas dopo essere stati sotto 0-2 e Utah Jazz, anche con loro sotto 0-2 inizialmente, per gli uomini di Tyron Lue si prospetta un'altra operazione rimonta per tenere vive le speranze di accedere alle finali: per i losangelini, trascinati nelle rimonte sopratutto da Kawhi Leonard, potrebbe esserci proprio il rientro del due volte campione Nba in vista del ritorno a Los Angeles, per dare vita ad una serie che non ha potuto vedere fin da subito lui e Chris Paul, alle prese con il protocollo anti-Covid dopo essere risultato positivo.
Il protagonista in casa Suns nei primi due quarti è la Point Guard Cameron Payne che a fine partita ha fatto registrare 29 punti e 9 assist con un'efficiente 12/24 dal campo ma al termine del primo tempo era già a 16 punti segnati, con Phoenix avanti 48-47; nel terzo quarto i padroni di casa riescono a guadagnare fino a 7 punti di vantaggio mentre a 3' 22'' dal termine del parziale c'è uno scontro fortuito tra la testa di Beverley e il volto del numero #1 Suns: per Booker tre punti cuciti sulla ferita al naso ma stop forzato per lui e l'ex Houston, rientrati entrambi per l'ultimo quarto.
Look: Devin Booker needed stitches after Patrick Beverly headbutt
La gara va avanti con il tabellino a fine terzo quarto che dice 27-24 per i Suns ma nell'ultimo parziale Paul George prende le redini del gioco e comincia a diventare mortifero dopo che la propria squadra a quasi 3 minuti dal termine era sotto di 6: tripla del -3 e dopo 2 minuti e mezzo segna il canestro del 101-100 in contropiede.
A 10 secondi dal termine e con il risultato di 103-102 per i canestri dei soliti George e Booker, rimessa in gioco per i Suns che perdono il controllo con Booker che sembra toccare per ultimo il pallone poi terminato fuori dopo la marcatura di Beverley, ripartenza Clippers affidata a George che subisce fallo e va in lunetta per i possibili canestri del +2 e +3: a 8.2 secondi dal termine l'ex Indiana e Okc sbaglia per la prima volta in stagione due tiri liberi e il risultato rimane fermo sul +1 Clippers.
Commentary: Paul George's missed free throws could haunt him — and the  Clippers
Rimessa Phoenix quando mancano 9 decimi di secondo alla fine con Crawder che disegna un campanile nei pressi del ferro per Ayton che sovrasta Zubac e segna la schiacciata del definitivo +1 Suns; proprio per il centro di Phoenix grande prestazione con 24 punti e 14 rimbalzi, Booker il terzo miglior marcaatore del roster con 20 punti.
9 incredible photos of Deandre Ayton's alley-oop – Iraq News
In casa Clippers bene Paul George che segna 26 punti oltre a far registrare 6 assist e 6 rimbalzi, ma ha il peso del non aver concretizzato le due occasioni ai liberi per far vincere o comunque allungare il tempo della partita, infine 19 puntip er Reggie Jackson e doppia doppia per Zubac, 14 punti e 11 rimbalzi per l'ex Lakers.