Basket: morta di tumore la giovane promessa 18enne Alessia Zambrelli

La giocatrice e allenatrice del Magik Basket Parma si è spenta il 14 febbraio. Il ricordo dei compagni: "Hai lottato contro un avversario bastardo, tu per noi hai vinto"

Alessia Zambrelli

Alessia Zambrelli

Globalsport 15 febbraio 2020

Non ce l’ha fatta Alessia Zambrelli a vincere la sua battaglia. La giovane promessa del basket 18enne si è spenta nella notte del 14 febbraio a Parma causa del tumore che l’affliggeva da tempo. Lasciando così un vuoto forte nella Magik Basket, squadra della quale era giocatrice e istruttrice al tempo stesso.


Cordoglio da parte del Liceo Bertolucci, la scuola che Alessia frequentava da iscritta al V Sportivo, che su Facebook ha voluto ricordare la giovane e sfortunata ragazza con un lungo e addolorato post su Facebook: “Alla famiglia la vicinanza dei docenti, del personale e degli studenti del liceo Bertolucci, la sua “scuola-casa”. L’irrompere della morte dentro una comunità educativa annichilisce tutti coloro che per definizione lavorano avendo come orizzonte il futuro. Futuro che per Alessia si è fermato tra le mura di un ospedale. E le nostre parole di dolore, di solidarietà e di vicinanza restano strozzate in gola e si fanno pianto. Lacrime per Alessia che non c’è più”.


Un dolore quello per la scomparsa di Alessia condiviso anche dai compagni di scuola che hanno reso omaggio alla sfortunata ragazza ricordandone lo spirito: “Zambra non sarà più in campo. Perché un avversario bastardo, bastardissimo non ha avuto pietà di lei. Aveva solo 18 anni. Ha lottato, ha corso, si è difesa, ha fatto tagliafuori su questo avversario più grande di lei. Ha tenuto, ci ha provato, ma non ha vinto. Sì, non ha vinto contro questo avversario schifoso, ma Zambra, TU per noi hai vinto“.