Zanardi ospite della tv brasiliana: "Ayrton Senna grande uomo oltre al campione"

Il campione di handbike ed ex pilota di Formula 1 ha ricordato con un aneddoto il campione brasiliano scomparso 26 anni fa

Alex Zanardi

Alex Zanardi

Globalsport 14 giugno 2020
Ad Espn Brasil, il 53enne Alex Zanardi, campione di Cart nel 1996 e 1998, 4 ori olimpici e 8 Mondiali di handbike, ha ricordato il campione verdeoro, ospite di "Bola da Vez". "Quando venni chiamato a guidare la Jordan al posto di Michael Schumacher, Senna venne a presentarsi: 'Sono Ayrton'. 'Lo so lo so', risposi. E diventai tutto rosso.
Lui voleva sinceramente aiutarmi. Mi disse: 'Siamo tutti essere umani, ma nessuno è magico. La Jordan è un' ottima macchina, vedrai che te la caverai'.
Già sapevo che era un grande campione, in quel momento capii che era anche un grande uomo quando si toglieva il casco".

"Per me fu una persona molto particolare. Vorrei chiamarlo amico ma non ebbi l'opportunità di frequentarlo per sviluppare un'amicizia -prosegue l'ex pilota di F1-. Senna è stato un grande modello per me. Ho avuto la fortuna di conoscerlo. Quando esordì in Formula 1 sulla Toleman nel 1984 dissi ai miei compagni di scuola: 'Vedrete questo ragazzo farà delle cose incredibili'. Mi diedero del matto, sottolineando che le cose incredibili all'epoca le facevano Mansell, Prost e Lauda. Ma dopo lo show sotto l'acqua a Montecarlo, quei compagni tornarono da me per dirmi che avevo ragione".