Definita una bozza di calendario per la stagione della MotoGp

Sarà un calendario ridotto a 12 gare, con ben 7 da disputare in Spagna. Salterà il Gp del Mugello, mentre si correrà a Misano, a chiudere le tappe americane e asiatiche

MotoGp

MotoGp

Globalsport 11 maggio 2020
Sembra poter ripartire a luglio la stagione motociclistica 2020, dopo ben quattro mesi dal naturale inizio.
La Dorna di Ezpeleta e la Fim stanno organizzando una traccia di calendario che naturalmente risentirà delle conseguenze della pandemia.
Le gare saranno 12, invece delle solite 18: si correrà ben sette volte in Spagna, mentre soltanto una volta in Italia.
I semafori verdi scatteranno per due weekend consecutivi (19 e 26 luglio) nel circuito di Jerez. Si tratta di una novità adottata sul modello Superbike (dove si corre due volte nello stesso circuito a distanza di 24 ore) per limitare gli spostamenti.
Il 9 agosto dovrebbe essere la volta di Brno (Repubblica Ceca) e la settimana successiva Spielberg (Austria).
Si continuerà in Europa, tra Spagna e Italia: il 30 Agosto a Montmelò (Catalogna), 13 settembre a Misano e 27 settembre nel circuito di Aragon. Impossibile, per il momento, recuperare le "classiche" del Mugello e di Assen, in Olanda.
Dal 4 ottobre al 1 novembre si correrà in weekend alternati tra Thailandia, Giappone, Australia e Malesia, circoscrivendo il territorio asiatico-oceanico.
Il 15 novembre ci si sposterà invece ad Austin (Usa) e il 22 dello stesso mese a Termas De Rio Hondo in Argentina.
Il calendario si concluderà, come da tradizione, nella Comunità Valenciana il 29 novembre.