Franco Vazquez-Parma: ufficiale l'acquisto del club di Serie B dell'ex Palermo e Siviglia

Lascia la Spagna l'ex Nazionale italiano e argentino per andare a Parma in B dove indosserà la maglia numero 10 e dopo il colpo Buffon il club ducale si conferma pronto al ritorno nella massima serie

La presentazione di Franco Vazquez come nuovo numero 10 del Parma

La presentazione di Franco Vazquez come nuovo numero 10 del Parma

Globalsport 30 giugno 2021
Dopo 198 partite e 26 goal, dopo la vittoria dell'Europa League in finale giocata contro l'Inter in cui è subentrato al minuto 77, dopo il delizioso goal di tacco a Marzo contro l'Elche, "El Mudo" lascia Siviglia e la Spagna per fare ritorno in Italia, in cui ha giocato per 3 anni e mezzo con il Palermo segnando 22 goal in 109 presenze.

Franco Vazquez, nativo di Tanti a Cordoba e figlio di madre e nipote di nonna paterna varesina, che ha collezionato 2 presenze con l'Italia nel 2015 ai tempi del Palermo e altre 3 presenze con la maglia Albiceleste nel 2018, dal 1° Luglio sarà un nuovo giocatore ducale dopo che il contratto in essere con la società spagnola non è stato rinnovato dopo una stagione vissuta prevalentemente ai margini; per l'italo-argentino cotratto fino al 2023 con opzione sul rinnovo.
Vazquez è tornato "Mudo": l'argentino non gioca più, l'ingiusto  trattamento del Siviglia riservato all'ex rosanero - RaccontiRosanero.com
Il trequartista, passato nelle giovanili del Belgrano e arrivato in Italia nel 2012 a 23 anni, è di ritorno nella serie cadetta dopo averla giocata e vinta nel 2013-2014: dopo la stagione precedente passata nella Liga con la maglia del Rayo, l'ex numero 22 del Siviglia conquistò i tifosi rosanero proprio grazie alla stagione in B in cui mise a segno 4 goal in 18 presenze, aiutandolo a mgiliorare tanto da segnare 10 goal in 37 partite l'anno seguente in Serie A.
Franco Vazquez: occasione a parametro zero
Franco, di cui si parlava di un interessamento del Parma già a Gennaio oltre che della Fiorentina, avrà un ruolo centrale nel 4-3-1-2 del neo tecnico Maresca, per il quale dovrà fare il raccordo tra centrocampo e attacco mettendo a disposizione delle qualità che nel campionato cadetto non hanno eguali, e fornire quell'esperienza che, dopo l'acquisto di Buffon, potrebbe rivelarsi fondamentale per combattere e vincere in un campionato difficile come quello di B.