Ronaldo salva la Juventus: il portoghese firma la rimonta sull'Udinese e tiene a galla i bianconeri

La squadra di Pirlo vince 2-1 alla Dacia Arena, grazie a una prova grigia quasi fino al termine: il portoghese sigla la sua doppietta (con un rigore) per la Juve che può ancora lottare per la Champions

Ronaldo in Udinese-Juventus

Ronaldo in Udinese-Juventus

globalist 2 maggio 2021

La Juventus vince 1-2 sul campo dell'Udinese e compie un passo decisivo per la qualificazione alla prossima Champions League, e lo deve soprattutto al fuoriclasse portoghese con il numero 7 sulla schiena.
Per 80 minuti, i bianconeri sono solo possesso palla ed errori tecnici: nella ripresa l'Udinese è quasi più pericolosa della Juventus in contropiede.
Passata in vantaggio con Molina dopo 10', Ronaldo la risolve nei minuti finali: prima un calcio di rigore per il fallo di mano di De Paul, e poi a un minuto dal termine con un colpo di testa con evidente complicità di Scuffet.
Sul campo della Dacia Arena al limite dell'impraticabile, la Juventus conquista una vittoria che è come ossigeno: adessosi trova a quota 69, pari con Atalanta e Milan, che affronterà nel prossimo scontro diretto.


L'Udinese gioca una partita al limite della perfezione a livello difensivo e contropiede, in pieno stile italiano: la salvezza è ormai cosa fatta. 
Questo il gol di Ronaldo:


Al 45', l'Udinese si trova in vantaggio per 1-0 sulla Juventus, ancora una volta sotto nei primi minuti.


Reazione della Juventus che però manca di velocità: le occasioni più pericolose sono per McKennie e Ronaldo, oltre a una conclusione ben parata di Dybala.

Al 10' l'Udinese passa in vantaggio: punizione battuta velocemente che trova l'esterno friulano, il quale calcia e batte Szczesny, che tocca ma non contiene.


Partita da non sbagliare per la Juventus, che necessita di fare risultato alla Dacia Arena contro l'Udinese per rimanere dentro alla zona Champions League. 

Il pareggio di Firenze ha reso ancora più complicata la rincorsa della Juventus alla qualificazione alla prossima Champions League, obiettivo davvero minimo per evitare che la stagione da molto deludente diventi fallimentare.


Da approfittare però dei pareggi che si soni verificati alle 15 per Atalanta e Napoli, che avvantaggiano la Juventus nella corsa Scudetto.
Il calendario non sorride nemmeno troppo alla formazione di Andrea Pirlo, il cui futuro sulla panchina bianconera sembra davvero appeso a un filo comunque vada a finire questo campionato.
Con le due classiche, una con il Milan che sa di autentico spareggio, e quella con l’Inter, che arriverà a Torino già scudettata ma che non per questo sarà accomodante verso i rivali storici, più tre trasferte non proprio semplici con Udinese, Sassuolo e Bologna, la Juve dovrà cercare di fare un rush finale a tutta per non rimanere fuori dall’Europa che conta.

Dall’altra parte Udinese relativamente tranquilla in ottica salvezza, ma che farà di tutto per portare a casa quei punti che possano garantire una certezza quasi matematica.

Le formazioni:

Udinese (3-5-1-1): Scuffet; Becao, Bonifazi, Nuytinck; Molina, De Paul, Walace, Arslan, Stryger Larsen; Pereyra; Okaka. All. Gotti

Juventus (4-4-2): Szczesny; Danilo, De Ligt, Bonucci, Alex Sandro; Cuadrado, McKennie, Bentancur, Bernardeschi; Dybala, Ronaldo. All. Pirlo