Guardiola e Klopp contro il nuovo formato della Champions League voluto dall'Uefa

In due conferenze stampa distinte gli allenatori di Manchester City e Liverpool si interrogano sulla bontà della riforma Champions che partirà dall'edizione del 2024

I due allenatori di City e Liverpool, i primi a schierarsi contro la nuova riforma che riguarderà la Champions League

I due allenatori di City e Liverpool, i primi a schierarsi contro la nuova riforma che riguarderà la Champions League

Globalsport 23 aprile 2021
Un Pep Guardiola sarcastico commenta le novità volute da Uefa e Fifa, interrogandosi sul senso di aumentare le partite rendendo il calendario calcistico sempre più fitto e stancante.
Il tecnico spagnolo ha ammesso di come ci sia qualcosa che non torni tra la richiesta di una qualità migliore da parte del mondo calcistico, ma anche una volontà di quantità dall'altra parte.
"Non siamo noi a comandare, dovremmo chiedere a Uefa e Fifa di prolungare l'anno solare, magari potremmo portarlo a 400 giorni".
La dichiarazione arriva proprio dopo l'ufficializzazione della nuova riforma Champions, che entrerà in vigore dal 2024 e abolirà le 6 partite della fase a gironi istituendo un nuovo tipo di sistema in cui ci saranno 10 partite in un vero e proprio tutti contro tutti.
Il tecnico però non è l'unico componente della società di Manchester ad essere intervenuto in maniera critica sul tema, anche il tedesco Gundogan ha espresso ieri i suoi dubbi, legittimi.


Vedremo nei prossimi tempi che succederà, forse la Uefa chiederà che alcune competizioni vengano cancellate, come le coppe in Inghilterra, o chiederà di ridurre le squadre per singolo campionato, magari portandole a 18".
Il tecnico tedesco però non si è fermato qui nel corso della conferenza stampa odierna ma ha continuato: "Credetemi se vi dico che le uniche persone che non vengono mai interpellate in queste situazioni, oltre ai tifosi, siamo noi allenatori e i nostri giocatori.
Dopo questo anno vi assicuro che siamo tutti al limite, nessuno escluso, e nonostante tutto questo, nessuno ci chiede niente ma intanto le partite aumentano e non è possibile riuscire a creare tutte queste nuove competizioni creando nuove partite senza togliere qualcosa, non è possibile fare 4 partite in più di Champions senza togliere le molteplici competizioni che già esistono".