Juventus: Dybala, Arthur e McKennie non convocati per la partita contro il Torino

Dopo il fattaccio che li ha visti coinvolti, Andrea Pirlo ha preso questa drastica decisione richiamando ad una maggiore responsabilità anche fuori dal campo.

Dybala McKennie e Arthur

Dybala McKennie e Arthur

Globalsport 2 aprile 2021
In seguito all’episodio che li ha visti protagonisti c’era da aspettarselo il pugno duro, e così è stato: Dybala, Arthur e McKennie non sono stati convocati per la partita di domani contro il Torino, in cui bianconeri cercano il riscatto dopo l’ultima sconfitta rimediata contro il Benevento.
Queste sono le dichiarazioni di Andrea Pirlo in occasione della conferenza stampa in vista del match di domani: “La decisione di non convocarli l'ho presa io, la società ha fatto il resto. Questo di sicuro non era il momento giusto per fare una cena fino a tardi, sia perché era a due giorni da una partita e sia per rispetto di chi rispetta le regole. Quest'anno non ci siamo fatti mancar niente, fuori dal campo i giocatori sono liberi di fare ciò che vogliono nei limiti delle regole. La voce si alza in campo per far capire loro certe cose ma fuori sono adulti e vaccinati. Sempre stato così, fin da quando giocavo io. Detto questo parliamo del derby".
Sulla partita, invece, ha dichiarato: "Dovremo affrontare la partita con grande rabbia, perché dopo la sconfitta col Benevento abbiamo voglia di rivalsa. E poi è un derby, che va sempre affrontato con aggressività e voglia di vincere. Non c'è stato un particolare confronto, anche perché i giocatori sono arrivati solo ieri dalle Nazionali, e non tutti utilizzabili a causa del Covid-19. Conosciamo l'importanza della gara e sappiamo cosa è successo nelle settimane precedenti, quindi avremo modo di parlarne da qui a prima della partita col Torino. La Juve è composta da campioni che hanno già affrontato momenti come questo, che non amano perdere e quindi non staranno a guardare. Vogliono dimostrare di essere un gruppo fantastico, con gran voglia di rivalsa e che può fare sicuramente meglio durante le partite".