Fiorentina-Torino: 1-0 e tre punti per i viola

Inizia la nuova stagione con l'anticipo delle 18:00 all'Artemio Franchi

Nikolas N'Koulou e Federico Chiesa

Nikolas N'Koulou e Federico Chiesa

Globalsport 19 settembre 2020
di Thomas Nigido

Secondo Tempo

Stavolta è la Fiorentina a partire alla grande rispetto al Torino, passando anche in vantaggio al 4' della ripresa con Biraghi, gol annullato poi er fuorigioco.
Il Torino non scende in campo e la seconda frazione di gara è colorata di viola.
Bonaventura con un bel tiro non trova la porta e Sirigu è costretto a un paio di buoni interventi per salvare il risultato. 
La Fiorentina crea ma non riesce a sbloccarla fino a quando Chiesa non decide di apparire nella partita.
Dopo un primo tempo in ombra, l'esterno viola accelera lasciando sul posto Ansaldi, crossa per Castrovilli che di sinistro appoggia in rete a porta vuota.
Il Torino prova alla disperata di creare qualcosa negli ultimi istanti di partita, trovando il gol del pareggio con Belotti ma in evidente posizione irregolare.
Finisce 1-0 per i padroni di casa che conquistano i primi tre punti della stagione.


Primo tempo

Inizia la nuova stagione di Serie A 2020/2021 con i primi 45 minuti di Fiorentina-Torino che però non sta ripagando la grande attesa che c'era alla vigilia dell'imminente campionato.
A reti bianche la prima frazione di gara che non ha creato grosse emozioni ai telespettatori.
Parte meglio il Torino che tiene il pallino del gioco senza creare però troppi pensieri dalle parti di Dragowski, tranne che per una bella parata del portiere polacco sul tiro ravvicinato di Berenguer.
Il duello della giornata è quello tra il gallo Belotti e Milenkovic a suon di sportellato, con il difensore serbo che ha già rimeditato un cartellino giallo a causa dell'eccessiva veemenza con cui cerca il sistematico anticipo.
La Fiorentina prova a rispondere al Torino, orfana dello squalificato neo-acquisto Sofyane Amrabat, a cui manca un po' di verve a centrocampo.
Le uniche insidie della squadra gigliate sono create dai cross di Biraghi e i colpi di testa di Kouamè che nel recupero porta Sirigu a compiere un autentico miracolo con la palla che aveva superato per metà la linea di porta.