Brescia, il capitano Gastaldello: "Giocare alle 16.30 d'estate è scandaloso"

Il capitano bresciano, già contrario alla ripresa, si dice preoccupato per la ripartenza dei campionati e per i rischi che comporta giocare d'estate

Daniele Gastaldello

Daniele Gastaldello

Globalsport 25 maggio 2020
Ai microfoni di "Radio Anch'io Sport", il capitano del Brescia Daniele Gastaldello ha ribadito ancora una volta la sua contrarietà alla ripartenza dei campionati.
Naturalmente Brescia rimane una delle zone più colpite dal Coronavirus e questo preoccupa: "Nel resto dell'Italia non si percepisce quello che è successo in Lombardia. E' morta tanta gente e molti mi chiedono per strada se sia veramente necessario ripartire
Secondo me, finire questo campionato è una forzatura e si andrebbe incontro a dei rischi: giocare dodici partite d'estate ed alcune alle 16.30 ci porta a rischi incredibili, non siamo delle macchine ma degli esseri umani. Quindi dobbiamo dire la nostra".
Sulla regolarità dei campionati: "Secondo me questo campionato riparte in modo forzato, e non sarà mai come quello che si è concluso a marzo.
L'alternativa Playoff non mi trova d'accordo, viene modificato il regolamento a campionato in corso. Molti sport di contatto si sono fermati, si rischia di rovinare anche la prossima stagione "