Vergogna a Brescia: dalla curva si alza il coro “Napoletano coronavirus”

A pochi chilometri dai luoghi nei quali è scoppiata l'emergenza qualche pseudo-tifoso si è divertito a strumentalizzare la malattia per offendere i tifosi partenopei.

Curva del Brescia

Curva del Brescia

Globalsport 22 febbraio 2020

Ennesima e deprecabile manifestazione espressiva da parte del becerume che purtroppo abita e anima gli stadi italiani.  È successo ieri sera allo stadio “Rigamonti” di Brescia dove durante la partita tra i padroni di casa e il Napoli alcuni “tifosi” hanno applicato la stretta, e drammatica, attualità alla discriminazione territoriale, lanciando il coro “Napoletano Coronavirus” a più riprese.

Queste persone hanno ritenuto divertente offendere i cittadini partenopei facendo leva sulla stessa circostanza che in questo momento sta creando apprensione proprio a pochi chilometri da Brescia, con 14 casi di positività accertati nelle ultime ore in Lombardia.
E che oggi ha provocato la prima vittima in Italia, che si aggiunge ad altre migliaia di decessi nel mondo.

Che siano presi dei provvedimenti è più che probabile, con sommo dispiacere per quelle persone che a Brescia (come nel resto d’Italia) vanno a tifare allo stadio senza mai valicare i limiti del sano sfottò, in questo caso oltremodo trascesi. 
Certo è che si tratta dell’ennesima pagina imbarazzante sugli spalti italiani.