Sexy ricatto a Balotelli, l'avvocato della ragazza: "Coi soldi di Mario mi compro due Ferrari"

Roberto Imparato, il legale della giovane che accusava l'attaccante, ha definito la stessa "un'attrice nata".

Balotelli

Balotelli

Globalsport 21 febbraio 2020

Si arricchisce di un nuovo capitolo il caso del ricatto a sfondo sessuale subito da Mario Balotelli. Secondo il Corriere della Sera, gli investigatori della Procura di Vicenza sarebbero entrati in possesso della di una conversazione tra Roberto Imparato, l’avvocato della ragazza che accusa l’attaccante ed una collega, avvenuta a pochi minuti da un incontro tra lo stesso Imparato e Balotelli, i cui contenuti fanno pensare ad un piano elaborato per mettere spalle a muro il centravanti bresciano.


"Appena finito: Imparato 1-Balotelli 0. Registrato per venti minuti. Voglio una Ferrari gialla... e una blu", sono queste le parole pronunciate da Imparato, che sempre alla collega, in merito alla registrazione del confronto con l’attaccante del Brescia dirà: "Confessione piena.... Devo pensarci, è delicatissimo. Abbiamo fatto cento prove. La ragazza è un'attrice nata".


Interpellato successivamente dal Corriere, Imparato ha provato a minimizzare le sue affermazioni: La Ferrari? Una battuta. Io e la cliente eravamo disposti a chiudere transando tra i 60 e i 100mila euro. Balotelli ne offrì 30. Sono accordi che si fanno per evitare alle vittime il peso di un processo. I soldi spettavano a lei e il mio onorario non bastava a comprare il cerchione di una Ferrari. Perché definirla un'attrice? Avevamo bisogno di una confessione e solo lei poteva ottenerla. Intendevo dire che aveva gestito bene le emozioni, spingendolo a parlare di quella notte".