Joachim Low si dimette in anticipo da ct della Germania nel 2021

Il contratto da ct della nazionale tedesca sarebbe scaduto nel 2022, ma Low ha chiesto alla Federazione di anticipare la fine del suo mandato dopo gli Europei del 2021

Joachim Low

Joachim Low

Globalsport 9 marzo 2021
Dopo 15 anni alla guida della Nazionale tedesca (esattamente gli stessi anni della cancelleria di Angela Merkel), Joachim Low sceglie di lasciare in anticipo rispetto al termine del contratto in scadenza nel 2022 il suo ruolo di ct.
La data in cui Low dirà addio alla sua squadra sarà a luglio 2021, subito dopo gli Europei di calcio che si terranno dall'11 giugno all'11 luglio di quest'anno, sperando magari di vincerli così da andarsene guidando il carro dei vincitori.
Il ct ha così commentato e spiegato questa sua decisione: . "Faccio questo passo in modo molto consapevole, pieno di orgoglio e di enorme gratitudine, ma allo stesso tempo continuo ad essere molto motivato in vista dell'Europeo. Orgoglioso, perché è molto speciale e un onore per me essere coinvolto nel mio Paese. E perché da quasi 17 anni sono in grado di lavorare con i migliori calciatori di Germania e di supportarli nel loro sviluppo. Li associo a grandi trionfi e dolorose sconfitte, ma soprattutto a tanti momenti meravigliosi e magici. Sono e resterò grato alla DFB, che ha sempre preparato un ambiente di lavoro ideale per me e per il team".
In questi anni da allenatore della squadra, La Germania è andata quasi sempre in fondo a tutti i campionati europei o mondiali, vincendo nel 2014 la Coppa Mondiale di calcio in Brasile, trionfando per 1-0 sull'Argentina ai tempi supplementari.
Ma dai Mondiali 2018 da cui la Germania uscì clamorosamente  al 1° turno, la squadra tedesca ha cominciato a mostrare le prime difficoltà, e forse anche queste hanno influito sulla scelta dell'allenatore.