La Germania nega al Liverpool di passare la frontiera per la Champions

L'allarme per la cosiddetta variante inglese del Covid spinge il governo tedesco a prendere questa drastica decisione in vista della partita del 16 febbraio contro il Lipsia

La squadra del Liverpool

La squadra del Liverpool

Globalsport 4 febbraio 2021
Le varianti del Covid rischiano di bloccare (di nuovo) il regolare svolgimento dei campionati di calcio nazionali ed internazionali.
A prendere i primi provvedimenti contro il dilagare della variante inglese nel continente europeo ci ha pensato la Germania, il cui governo ha varato una misura drastica in tal senso, vietando ai giocatori del Liverpool di fare ingresso nel Paese il prossimo 16 febbraio, giornata in cui la squadra inglese dovrà disputare sul campo di gioco la partita di Champions League contro il Lipsia.
Il ministro dell'interno tedesco Seehofer ha annunciato la notizia poco fa ed ha già allertato la polizia che ha l'obbligo di respingere alla frontiera aeroportuale e rimandare indietro gli ospiti calcistici.
Tale misura di tipo cautelativo potrebbe essere rivista data la distanza temporale, ma la sua gravità non fa presagire nulla di buono e comunque una decisione in merito verrà valutata di pari passo con l'andamento dei contagi e con la scoperta di nuovi casi della variante del virus.
I vertici del calcio europeo dovranno ora correre ai ripari e, nel caso più estremo, rivedere l'intero calendario della Champions se ci saranno altre defezioni e rinvii.