Jorge Valdano: “Il ritmo delle partite mi sembra più vivo di ciò che pensavo”

L’ex attaccante campione del mondo, Jorge Valdano, in un’intervista a La Gazzetta dello Sport ha analizzato tutte le questioni della ripresa: dagli infortuni alle condizioni climatiche.

Jorge Valdano

Jorge Valdano

Globalsport 28 maggio 2020

In un’intervista a La Gazzetta dello Sport l’ex dirigente del Real Madrid, Jorge Valdano, ha espresso la propria opinione sull’astinenza da calcio in questi giorni di quarantena.


"Il calcio senza la gente è un altro sport. Sono grato alla Germania perché col rigore ha generato fiducia mostrando che si può tornare a giocare, pur se in circostanze eccezionali. In questa situazione è possibile che le squadre più forti siano favorite. È più difficile avere una sorpresa perché, per generarla, le squadre meno forti spesso hanno bisogno del proprio pubblico". 


Poi continua: "Muller è una radio, in campo non smette mai di trasmettere. Anche Alaba che sembrava inespressivo si impone. Questione infortuni? Il ritmo delle partite mi sembra più vivo di ciò che pensavo".


E conclude sulla Champions, programmata per il mese di agosto: “Le temperature saranno inumane. Vedremo che influenza avrà il clima sulle gare. Adesso non si può parlare di Champions, lo si farà in estate.”