Hummels: “Brutto giocare a porte chiuse ma c'è anche un lato positivo”

Le parole del difensore centrale del Borusssia Dortmund che si sta abituando agli stadi vuoti

Mats Hummels

Mats Hummels

Globalsport 19 maggio 2020

Il calore dei tifosi a volte è talmente dirompente che mette anche in difficoltà campioni abituati a decine di migliaia di voci che si sovrappongono: "Giocare senza i tifosi è certamente triste, specie se penso alla sfida con il Bayern Monaco quando di solito avevamo 80mila persone in casa”.

Ma non tutti i mali vengono per nuocere e anche Hummels ha trovato del bene in questa situazione spiacevole: “Senza il pubblico però posso dare e ricevere molti più consigli e comandi dalla panchina. Quando lo stadio è pieno faccio fatica a comunicare a dieci metri di distanza".

Intervistato a Kicker Hummels si è dimostrato estremamente diplomatico: "E' solo una situazione diversa, ma non la vedo come qualcosa che cambierà i destini della Bundesliga. Sicuramente giocare senza tifosi e con gli spalti vuoti crea un'atmosfera speciale, diversa e svantaggia anche chi gioca in casa, ma tutto sommato questo vale anche per quando affronteremo i nostri avversari fuori casa”.