I giocatori del West Ham accettano la riduzione dell'ingaggio

Dopo aver rifiutato la proposta della Premier League, i calciatori del West Ham hanno trovato un accordo con la società per quanto riguarda il taglio degli stipendi

La squadra del West Ham esulta dopo il gol al Manchester United (foto di Fox Sports)

La squadra del West Ham esulta dopo il gol al Manchester United (foto di Fox Sports)

Globalsport 11 aprile 2020
Inizia a sbloccarsi la situazione stipendi in Premier League, nei giorni scorsi il massimo campionato inglese aveva annunciato di voler chiedere ai calciatori una riduzione del 30% sugli ingaggi. La proposta è stata rifiutata dai giocatori che hanno lanciato una raccolta fondi a favore del servizio sanitario nazionale.

Gli accordi sugli stipendi sono stati trovati internamente con le società di appartenenza, difatti dopo il Southampton, il West Ham è il secondo club in Premier League ad annunciare che i propri giocatori rinunceranno a una parte dei propri ingaggi, per aiutare il club alla luce della crisi legata all'emergenza coronavirus. L'entità del taglio non è stato reso noto dalle parti coinvolte, eccetto per l'allenatore David Moyes, il vicepresidente Karren Brady e il tesoriere Andy Mollett che hanno accetato un taglio del 30%. Grazie aquesto sacrificio collettivo gli altri dipendenti potranno conservare per intero il proprio stipendio.