Subasic vince il confronto con Schmeichel, la Croazia va ai quarti

Non bastano 120 minuti di gara, sono i calci di rigore a decidere il quarto ottavo di finale del Mondiale: contro la Danimarca passano i croati, giocheranno contro la Russia

Il portiere della Croazia Danijel Subasic

Il portiere della Croazia Danijel Subasic

Redazione 1 luglio 2018

Continuano a regalare emozioni gli ottavi di finale di questi Mondiali di Russia. Dopo Russia-Spagna del pomeriggio, anche il match tra Croazia e Danimarca si decide ai calci di rigore. 120 minuti di battaglia e fasi alterne, con le due Nazionali che si strappano di mano più volte il timone della gara riuscendo però a colpirsi a vicenda solo nei primissimi minuti. A passare in vantaggio già al primo giro di orologio è la Danimarca grazie al batti e ribatti in area croata finalizzato poi da Jorgensen con la complicità del portiere Subasic, ma a Mandzukic bastano solo altri tre minuti per pareggiare i conti dopo un errore della difesa danese. Da lì è guerra senza quartiere per tutti i tempi regolamentari, che però non bastano per decretare un vincitore: si va ai supplementari. Ed è proprio verso lo scadere dell'extra time, dopo 110 minuti di parità, che la Danimarca ha l'occasione di fare proprio il match: Modric trova Rebic in verticale con un filtrante che buca la difesa, l'attaccante dell'Eintracht Francoforte scarta anche Schmeichel ma viene atterrato in area da Jorgensen, che rimedia anche un cartellino giallo. Calcio di rigore per la Croazia, sul dischetto si presenta Modric che però non riesce a battere uno Schmeichel in grande forma: al fischio finale è ancora 1-1, si deciderà tutto dagli 11 metri. A questo punto sale in cattedra Subasic, che para ben tre rigori agli avversari e permette a Rakitic di mettere dentro il penalty che porta la Croazia ai quarti di finale. Disperato Schmeichel, che aveva risposto colpo su colpo alle prodezze del portiere del Monaco ma non è riuscito ad opporsi al destro del centrocampista blaugrana. Danesi dunque che salutano il Mondiale, mentre la Croazia raggiunge la Russia vincente con la Spagna ai quarti.